martedì 13 maggio 2008

Il fascismo è qui, ora!

“Il suo nome (Schifani ndr) è stato associato dalla stampa italiana con la criminalità organizzata siciliana, dato che negli anni ottanta fu socio in una compagnia nella quale figuravano Nino Mandalà, boss del clan mafioso di Villabate, e Benny d’Agostino, imprenditore legato allo storico dirigente di Cosa Nostra, Michele Greco”.

Pubblicato dalla stampa libera spagnola, El Pais del 29 aprile.

4 commenti:

mancio ha detto...

prima della partecipazione di Travaglio su Rai3, prima de El Pais, prima delle elezioni, erano comunque informazioni conosciute, ad esempio su L'Espresso online, articolo di Peter Gomez del 20 marzo:


http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Per-chi-vota-la-mafia/2006907//2


Le informazioni si trovano, magari non nei titoli del Tg1 o del Corriere della sera, ma credo sempre meglio del ventennio, meglio di quando c'era solo rai1, meglio di 15 anni fa quando non c'era internet.

massileo ha detto...

Ammiro il tuo ottimismo, ma è pericoloso... L'espresso on line non esiste! Chi lo legge? E' ovvio che Internet è meno fascistizzata della TV. Ma è la TV che fa informazione di massa. E' alla TV che la gente crede. Eppoi il fascismo è nei metodi: censurare un giornalista perché ha parlato contro e non per quello che ha detto è fascismo ed è una brutta cosa anche per le conseguenze che potrebbe portare: tutti staranno ancora più attenti a ciò che diranno o pubblicheranno. Siamo avvertiti! Ma come fai a non capirlo, come fai a non indignarti e a cogliere il senso di questa minaccia? Le informazioni si trovano???? Va beh, allora accontentati del fatto che TU puoi trovare le informazioni! Continuiamo a denigrare Grillo per le battaglie e a nasconderci dietro un dito. Andiamo verso la fine a mente serena, soddisfatti che uno su cento in Italia può informarsi! Per diavolo! Come si fa a non capire che il fascismo è ad esempio nel fatto che in Italia il livello di diffusione della banda larga è il più basso d'Europa e che nonostante le direttive europee sul digital divide i governi italiani stanno rallentando la diffusione di Internet proprio per evitare la diffusione delle informazioni e per impedire che gli italiani sappiano ad esempio chi è Schifani. Perché in TV non lo dicono (è controllabile) mentre Internet NON DEVE ESSERE DIFFUSA PERCHE' E' PERICOLOSA!!! C'è chi lo fa direttamente, come il governo cinese che blocca i siti, e c'è chi lo fa mafiosamente, come in Italia dove impediscono la diffusione del digitale. Ma bene, continuate a coprirvi gli occhi, a turarvi il naso, a tapparvi bocca e orecchie...

mancio ha detto...

certo il mio commento precedente forse non era completo. non sono certo soddisfatto di come vanno molte cose, compresa l'informazione. non sono contento che molte voci non siano diffuse e fatte sentire al grande pubblico. è l'uso di alcuni termini che a volte mi sembra esagerato: se chiamiamo questo "fascismo" poi come chiamiamo i regimi birmani o nord-coreani o cinese come nel tuo esempio? il fatto di partecipare al tuo blog non mi sembra segno di totale apatia. poi se vuoi lascio scrivere i commenti solo a chi appoggia pienamente Grillo, ma credo che poi un blog non abbia più molto senso.

massileo ha detto...

@ mancio: noi siamo amici, quindi il senso delle mie risposte è da interpretare come polemica non verso di te. anzi, grazie per scrivere su questo blog. Neurasia ha parecchie visite al giorno, ma pochi commentano, questo succede un po' su tutti i blog. Anche quello della lista è così. Centinaia di lettori e pochi che poi si prendolo la briga di scrivere. Quindi lo apprezzo tantissimo. La dialettica poi serve sempre a maturare opinioni diverse e più veritiere. E' sempre importante poi precisare che ci si può scaldare PER qualcosa, ma ciò non significa scaldarsi CON qualcuno. :)

E' vero, il fascismo che hanno vissuto i nostri 'anziani' è un fascismo con la F maiuscola, è un fascismo storicizzato. Quello che stiamo vivendo oggi è un fascismo in nuce, è viscido, sottile, è quello che ha ben inquadrato Pasolini. E' un fascismo che non fa Ventennio, ma incide in maniera più terribile sulle nostre coscienze. E' il fascismo che legittima i pestaggi dei nazi, che quindi ha anche risvolti drammatici, è il fascismo che tappa le bocche ai giornalisti, è il fascismo che omologa l'informazione e lo spettacolo, formando generazioni di inappetenti (culturalmente parlando). Sono due cose distinte, ma hanno una radice in comune e non è detto che gli effetti del fascismo, a lungo termine, siano meno drammatici di quelli del Fascismo. Che dici? ;)