giovedì 31 gennaio 2008

Nelle nostre urne, le ceneri della democrazia!

Il 30 gennaio 1948 veniva assassinato il profeta della nonviolenza. Nel 60° anniversario, una pronipote ha disperso in mare l’ultima parte delle sue ceneri.
Rendiamo omaggio a Gandhi, un eroe della lotta per la libertà e la democrazia.
Mi viene da pensare alla nostra realtà: come le urne contengono le ceneri e - forse - l'anima dei defunti, le nostre urne elettorali contengono solo le ceneri della nostra democrazia e ad ogni elezione si perpetua il rito profano.

Ispirazione:
"La seconda delle cose umane, per la quale a' latini, da «humando», «seppellire», prima e propiamente vien detta «humanitas», sono le seppolture, le quali sono rappresentate da un'urna ceneraria, riposta in disparte dentro le selve, la qual addita le seppolture essersi ritruovate fin dal tempo che l'umana generazione mangiava poma l'estate, ghiande l'inverno. Ed è nell'urna iscritto «D. M.», che vuol dire: «All'anime buone de' seppelliti»; il qual motto divisa il comun consentimento di tutto il gener umano in quel placito, dimostrato vero poi da Platone, che le anime umane non muoiano co' loro corpi, ma che sieno immortali."
Gian Battista Vico - La Scienza Nuova

La verità ama celarsi...



I nostri media non fanno informazione. Per noi è difficile capire cosa succede e prendere decisioni consapevoli. Di ieri la notizia dell'assoluzione di Berlusconi dall'accusa di falso in bilancio. Raiuno e Mediaset hanno titolato: "Berlusconi assolto perché il reato non sussiste più". Il corsivo è di Neurasia. Fate lo sforzo di ricordare cosa fece il governo Berlusconi al posto di preoccuparsi del rincaro dei prezzi...

Commento tra le righe dell'attuale situazione politica:

- Mastella indagato in varie indagini tra cui quella tristemente famosa denominata "Why not", in cui Mastella compare tra gli indagati per i presunti rapporti con l’imprenditore Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere della Calabria e personaggio centrale dell’inchiesta (finanziamenti illeciti - vi consiglio una rilettura: potete cominciare da wiki, oppure da qui, o da Panorama).

- Prodi era presidente del consiglio e Mastella ministro di giustizia; la magistratura, su richiesta di Mastella, toglieva l'inchiesta a De Magistris; Di Pietro e la sinistra criticavano l'epurazione; Forza Italia, UDC e la "sinistra di centro" appoggiavano Mastella; Mastella e la moglie venivano indagati per concussione in Campania; Mastella si dimetteva; Prodi lo sosteneva; Di Pietro e la sinistra radicale no; Mastella faceva cadere il governo; Prodi si dimetteva.

Che vuol dire? Leggete tra le righe...

Altro esempio:
- Indagine sulla società di costruzioni siciliana Calcestruzzi, per i presunti rapporti con cosa nostra.

E inoltre:
- Nel processo per le 'talpe' alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, il presidente della Regione Sicilia Salvatore Cuffaro (UDC) era imputato di favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra. I pm avevano chiesto otto anni di reclusione. La corte però, pur riconoscendo una condotta colpevole di favoreggiamento a favore degli altri imputati (alcuni dei quali condannati per associazione di tipo mafioso), non ha ritenuto dimostrata l'aggravante di aver favorito l'organizzazione criminale (non è un controsenso?) e quindi ha applicato una pena più bassa.

Cuffaro viene comunque condannato a 5 anni, offre i cannoli e si dimette. Casini (UDC) sostiene Cuffaro.

Ancora:
- 'Ndrangheta nella sanità in Calabria. Sintesi: politici e dirigenti di aziende sanitarie sono finiti o in carcere o ai domiciliari... In cella anche il consigliere regionale Domenico Crea, capogruppo della Dc di Rotondi... sono stati arrestati anche i presunti responsabili dell'omicidio del vicepresidente del Consiglio della Calabria Francesco Fortugno (Margherita)... Per Crea, subentrato nel consiglio dopo la morte di Fortugno, l'accusa è associazione a delinquere...

Tra un po' si torna a votare!

Profezie:
La destra andrà al governo con il sostegno di Mastella. Mastella non sarà condannato nell'ambito delle varie inchieste. Gli ultimi gradi dei vari processi derivanti dalle indagini siciliane e calabresi porteranno al nulla (o quasi nel senso che non se ne accorgerà nessuno e gli italiani non daranno importanza a chi daranno il voto e alla mancanza di informazione). Finalmente si farà il ponte sullo stretto. Berlusconi farà emanare una legge che depenalizzerà o renderà inutili alcuni processi in corso derivanti da intercettazioni telefoniche (ricordate la telefonata Berlusconi/Saccà?).

L'unica profezia che non riusciamo a fare: ci sveglieremo? Avremo un'informazione libera e corretta? Riusciremo a ribaltare la dittatura di questa classe politica che ha fatto un golpe alla nostra democrazia e non lascia più il potere?

venerdì 25 gennaio 2008

IL BER-FI-CA e il ventre molle del centro!

Dopo il KA-PA-RO' (Kakà, Pato, Ronaldo), l'ex trio delle meraviglie del Milan, agli italianiiiiii! si presenta di nuovo il trio BER(lusconi)-FI(ni)-CA(sini). Dobbiamo ringraziare, nell'ordine:
1) noi stessi perché non abbiamo ancora capito che questa gente (tutti, destra e sinistra) non ci rappresenta più, se non altro per limiti d'età;
2) Berlusconi e la nuova legge elettorale che il suo governo ha voluto per lasciare al governo Prodi la totale ingovernabilità del paese, come se si potesse giocare così irresponsabilmente con un paese, come se fosse un giochino di potere interno ad un'azienda privata! Prova ne sia la semplice constatazione che una legge elettorale, per definizione, non può consentire, nemmeno in linea teorica, un risultato di sostanziale pareggio come quello che avvenne nel 2006 al senato. Pensateci...;
3) il ventre molle del centro, questo viscido intestino politico che tutto digerisce e sempre si trasforma. I centristi che avendo compreso il declino di questo governo, hanno subito approfittato della situazione per farlo cadere, per poter poi legittimarsi, alle prossime elezioni, come parte dei nuovi vincitori. Fanno sempre così, prima appoggiano il governo e poi, quando capiscono che stanno dalla parta perdente, allora provocano la rottura e si ricollocano o si smarcano per avere più consensi e meno responsabilità (lo fece anche l'UDC con Berlusconi). Dini vorrebbe un governo istituzionale, ora, dopo aver fatto cadere quello in carica assieme al ceppalonico. Certo, uno come lui che conta per uno zero-virgola, può governare solo in queste circostanze, tra un'elezione e l'altra, quindi meglio farli cadere i governi!
Conclusione: siamo in uno dei peggiori momenti della nostra storia recente a causa di un sistema politico che non è in grado, strutturalmente, di affrontare le sfide attuali, come invece accade in paesi come l'Inghilterra, la Francia e la Spagna che hanno strutture e sistemi elettorali che garantiscono una governabilità più forte e stabile. In questo momento così delicato, la nostra classe politica fa finta di nulla e continua a sussistere in quel limbo di isolamento dalla realtà, per puri fini di potere. Un governo cade e gli avversari pronti come avvoltoi a finire la preda, senza alcun interesse per il paese. Avremmo bisogno di una legge elettorale che cambi il sistema e invece, tra qualche mese cosa avremo? Di nuovo il BER-FI-CA, Cesa, Rotondi, Mastella, Storace, Mussolini, La Russa, Scaiola, Schifani... che non saranno in grado di fare nulla, come nulla fecero meno di due anni fa quando erano al governo e non risolsero i problemi economici, il problema sicurezza ecc... E, come sempre, avevano all'interno una compagine come l'UDC, che vista la situazione, pensò bene di far cadere Berlusconi (ricordate o no?).
Neurasia si appresta alla seconda profezia! (nuove elezioni)
Neurasia vuole abolire le elezioni!

mercoledì 23 gennaio 2008

ITALIANIIIIIIIIIIII ! ! !

Popolo italiano, armento d'Europa, femminuccia vezzosa e fuggente, svegliati, per carità!
E' il grido di allarme di Neurasia e di tutti gli uomini di buona volontà, quelli vivi, ovviamente, perché i morti non si contano.

Mastella per ripicca fa cadere il governo di un paese in crisi, Berlusconi lo vuole a destra, Mastella rivendica il suo centro, Gasparri, Calderoli, Fini, Casini, Cesa si riuniscono pronti a riprendere il potere. Che cambierà? Nulla! Già li vedete, i La Russa, gli Scaiola, magari con Mastella, Dini, De Mita!!! De Mita!!!!!! Sono sempre loro, le mummie d'Europa, i settantenni incalliti gonfi di pasticche blu per tenere in vita un residuo di virilità che il tempo e gli italiani avrebbero ormai dovuto evirare definitivamente!!! Basta, basta, basta!!! Mastella lo rivedremo lì, al centro, ma sempre lì! Berlusconi quanti anni ha? Bossi in che condizioni è? Calderoli in che condizioni è mai stato? Questi non sanno nemmeno parlare! Gente che in parlamento fa cori da stadio. E saranno loro, sempre loro, da destra e sinistra, anche dopo le prossime elezioni. Ma aboliamole le elezioni!

Neurasia propone: aboliamo le elezioni! Non servono a nulla, fino a che non passerà il referendum per limitare l'accanimento terapeutico che tiene in vita queste mummie per più di una legislatura!

venerdì 18 gennaio 2008

Con le mani in pastella!

Mastella non dovrebbe ironizzare su un pubblico ministero e soprattutto non dovrebbe dichiarare: "Non voglio i privilegi della casta", senza prima rinunciare, per esempio, al "milione e 331 mila euro" - UN MILIONE E TRECENTOTRENTUNO MILA EURO!!! - di finanziamento pubblico (SOLDI NOSTRI) per il suo "giornale" di partito "Il Campanile" che con ben 6 giornalisti in redazione passa all'edicola ben 1.500 copie (praticamente il giornalino della scuola ceppalonica) che finiscono quasi tutte al macero!!! Oppure potrebbe rinunciare al rimborso spese di 100 euro al giorno "per la benzina del Porsche Cayenne del figlio" (leggi qui). Quanti soldi, all'ombra del Campanile, per le società e gli amici del nostro casto onorevole! Soldi di noi contribuenti...
Basta Casta!

giovedì 17 gennaio 2008

Io se rinasco faccio il meccanico!


Pubblico un post di mio fratello Gibba, che provocatoriamente usa la fanciulla innocenza per descrivere la nostra situazione di schiavi. Aggiungo un'immagine degli "ignavi" di Dante: questi dannati sono coloro che in vita non ebbero mai una propria idea e si limitarono ad adeguarsi sempre senza agire mai. Sono costretti a girare nudi per l'eternità attorno a una bandiera, punti da vespe e mosconi. Neurasia si schiera contro coloro "che mai non fur vivi".


Io se rinasco faccio il meccanico.

L'italia è un paese-metafora, sembra uscito dall'inferno di Dante. E' come la scrittura di Leonardo, si legge al contrario, come guardandosi allo specchio. In italia se fai le cose perbene sei un c******e (mal che vada), e se vai fuori dei binari un pochino, solo un attimino (tanto lo fanno tutti) ti fottono a sangue. In italia se non esageri non sei nessuno. Spesso mi domando perchè ci siamo ridotti così. E' un processo che inizia da bambini...

A scuola ti insegnano che non gliene frega a nessuno se capisci le cose, basta che studi a memoria il giorno prima e casomai dai una copiata al compito del secchione in cambio della foto della compagna dell'ultimo banco. Quando cresci e vai all'università ti premiano in proporzione alla tua capacità di soddisfare l'ego di un professore frustrato. Oppure vai al sud, che tanto lì dell'ego non gliene frega un c***o, basta che paghi. Poi ti cerchi un lavoro e ti offrono un posto da schiavo, ma con quello non riesci a pagarti le ricariche del cellulare, niente sms, mms... e come fai? Se proprio non ti va giù il papi ci mette una buona parola con l'onorevole o con il parroco del paese, qualcosa salterà fuori. Tanto il papi fa il dipendente statale e quindi tempo per andare in giro a farsi i c***i suoi ce l'ha. E scusa, lo stato fa finta di pagarmi e io faccio finta di lavorare, no? Giusto! anch'io da grande voglio fare il dipendente statale! Lo zio di Marco ha 50 anni ed è già in pensione da 5! Vabbè ma lui faceva il finanziere, dai... anche suo papà e suo nonno erano finanzieri, si sa! Per fortuna che mia sorella ha fatto il provino da comparsa con la Endemol, almeno lei ha una prospettiva per il suo futuro... E la mamma, con lo studio da manicure non ce la fa più, i clienti cominciano a chiedere la ricevuta.... porca t***a ha fatto bene mio cugino a studiare da commercialista così adesso subentra allo studio degli zii!
Io se rinasco faccio il meccanico, che un mio amico si è comprato la licenza per fare le revisioni e con i soldi che guadagna si compra le macchine da demolire e le rivende in Polonia a 10 volte tanto... Luca invece si è comprato il SUV, che figata.. come c***o è che ha trovato i soldi non l'ho mica capito, suo padre fa l'operaio alla SIDER.. Luca è forte però, ha la parola facile e lo sguardo furbo, da bambino ci rivendeva le sigarette di suo fratello... Alle feste portava sempre le canne... mi ricordo che a forza di feste si era comprato il motorino nuovo... boh sarà così anche per il SUV. Tanto se lo prendono non gli fanno un c***o, con l'indulto dopo due giorni è fuori.... Vabbè speriamo almeno che quando sono vecchio non faccio la fine del nonno che ha lavorato 40 anni come calzolaio e adesso prende la pensione minima... almeno ci paga la tassa al comune per il loculo della nonna. Che vita di merda. Almeno quest'estate ci sono gli europei. I-TA-LIA! I-TA-LIA! I-TA-LIA!

La crisi economica in Europa

Riporto un'intervista a Joseph Stiglitz apparsa su City.corriere.it del 17 gennaio 2008. Joseph Stiglitz è Professiore alla Columbia University e premio Nobel per l'economia. Nel 2000 lasciò la Banca Mondiale accusandola di aggravare invece che risolvere le difficoltà economiche.

Anche l'Europa rischia la crisi economica

Joseph Stiglitz Professore della Columbia University e premio Nobel per l'economia, ci spiega perché il 2008 sarà un anno difficile per il mondo, grazie anche a Bush e alla Banca Centrale europea.

Il World Economic Forum dice che nel 2008 il mondo sarà minacciato dalla recessione Usa, dalla crisi energetica e da quella alimentare. Lei è d'accordo? Sì e penso che il rischio numero uno sia una contrazione economica, se non una recessione, degli Stati Uniti. A dire la verità a questo punto si tratta più una certezza che di un rischio. La contrazione dell'economia ci sarà, solo che non sappiamo quanto grande.Non si può fare niente per evitarla?Di sicuro l'Italia può fare molto poco! Gli Stati Uniti, invece, possono fare molto per ridurla. Ma comunque è troppo tardi per evitarla del tutto. Gli Stati Uniti avrebbero dovuto agire almeno sei mesi fa. Era chiaro che ci stavamo dirigendo verso una recessione. Ma la Federal Reserve e l'amministrazione Bush non hanno fatto il loro dovere per impedirla: hanno voluto chiudere gli occhi. È un tipico esempio di politica economica irresponsabile, sia da parte dell'amministrazione Bush che della Federal Reserve.
Perché un rallentamento nell'economia Usa è una minaccia per l'Europa? L'economia americana soffre per la crisi dei mutui e quella del mercato immobiliare, che è molto importante. Di fronte a questo, se la Banca Centrale Europea (Bce) continuerà a concentrarsi troppo sull'inflazione e alzerà il tasso d'interesse sui prestiti, come ha fatto finora, si arriverà a una discrepanza tra i tassi d'interesse Usa e quelli europei.
Questa differenza è un problema? Sì. Per superare la crisi, probabilmente gli Usa terranno basso il tasso d'interesse e quindi il costo del denaro [Una misura che serve a rilanciare i consumi, gli investimenti delle aziende e a rendere meno care le rate dei mutui ancora in sospeso, ndr]. Ma se i tassi Usa sono bassi e l'Europa alza i suoi per impedire l'inflazione, l'euro diventerà ancora più forte del dollaro. Questo danneggerà le esportazioni dell'Ue e rallenterà l'economia europea.
Quindi secondo lei dipende molto da come si comporterà la Bce? Voi europei dovete capire che la Bce sbaglia a concentrarsi solo sull'inflazione, deve preoccuparsi anche dell'incombente contrazione globale dell'economia. La seconda cosa da fare è una politica fiscale più aggressiva [calare le tasse per rilanciare i consumi e la produzione, ndr]. Ma ha bisogno di tempo per avere effetto.
Cosa comporterebbe in concreto la crisi economica? Quello che viene chiamato stagflazione: l'economia si ferma ma i prezzi continuano a salire.
Significa che i paesi si impoveriscono? Sì, ed è ciò che aspetta il mondo se le Banche Centrali dei Paesi si comportano meccanicamente e di fronte ai prezzi in salita alzano i tassi di interesse. Questo, infatti, farebbe rallentare le loro economie. Ma non fermerebbe l'inflazione, che è soprattutto "importata": deriva dai prezzi più alti di petrolio e materie prime, cibo compreso. Sarebbe lo scenario peggiore: aumento dei prezzi e disoccupazione crescente".
L'inflazione, quindi, è "importata" perché dipende dal crescente costo del petrolio. Non c'è modo di fermarlo? Qui la questione non è solo economica, ma anche politica. I continui tentativi del presidente Bush di fomentare tensioni nel Medio Oriente, in particolare con l'Iran, fanno sentire in imbarazzo sulla portata della sua intelligenza. Intanto lui, però, continua. E se riuscirà a creare problemi, come tenta di fare, il prezzo del petrolio crescerà moltissimo.
Lei dice che Bush lo fa apposta? No, mi capisca bene: stavo parlando in modo un po' frivolo. Penso che ci sia una grande incertezza nei rapporti politici tra Iran e Stati Uniti. Da entrambe le parti. Ma con le rivelazioni dell'intelligence [i servizi segreti hanno svelato che, al contrario di quanto diceva Bush, l'Iran ha fermato il suo programma nucleare militare nel 2003, ndr], l'inadeguatezza della politica statunitense è diventata più visibile. E intanto non sappiamo cosa succeda davvero in Iran. Sappiamo però che le incertezze politiche costituiscono il rischio maggiore per il mercato del petrolio.
E cosa possono fare le persone normali di fronte a tutto ciò? L'Europa dovrebbe preoccuparsi della riduzione dei consumi, cosa importante anche contro il riscaldamento globale, e diventare meno dipendente per l'energia. Invece alcune parti d'Europa [come l'Italia, ndr], si sono esposte più di quanto sia prudente ai rischi politici della Russia, dipendendo dal gas russo. Ma sono strategie di lungo termine, che non risolvono tutto in una notte.
Quindi adesso possiamo solo aspettare? Penso che gli individui debbano riconoscere che sono di fronte a una contrazione economica mondiale. In un mondo connesso, non puoi evitare queste influenze.
(17-01-2008)

Per approfondimenti sul tema è interessante anche l'intervista rilasciata (in testo e video) a Beppe Grillo il 10 gennaio 2007: "Il patto col diavolo di Joseph E. Stiglitz".

mercoledì 16 gennaio 2008

La prima profezia di Neurasia!

Neurasia ormai profetizza! Sul post di ieri mattina 15 gennaio, avevamo espresso il dubbio che l'anello del pastore fosse un cattivo presagio. Dopodiché - non per causa diretta ovviamente! non siamo a questo punto! - il Vaticano ha rinunciato alla visita! La selva che infesta il parlamento si è subito scatenata: ovviamente in Italia la società laica non ha il diritto di manifestare il proprio dissenso! I problemi del paese sono altri, ma loro si preoccupano di una mossa propagandistica del Vaticano (perché è solo questo la rinuncia... non esistono motivi di sicurezza! E' solo vittimismo propagandistico). Che immondizia!

martedì 15 gennaio 2008

"L'ignoranza" e La Sapienza - Calderoli tifa per il Papa

(da wikipedia: Roberto Calderoli)
Sul caso "La Sapienza", Calderoli dichiara: "La Sapienza dovrebbe chiamarsi L'Ignoranza". Ora intuisco dove ha studiato Calderoli, almeno di nascosto.. In effetti la sua tabella è ricca di aforismi di rilievo, basta rileggersene qualcuno su wikipedia.
Gli scienziati difendono la laicità della scienza contro il teologo Ratzinger: ... Il 15 marzo 1990, ancora cardinale, in un discorso nella città di Parma, Joseph Ratzinger ha ripreso un'affermazione di Feyerabend: "All'epoca di Galileo la Chiesa rimase molto più fedele alla ragione dello stesso Galileo. Il processo contro Galileo fu ragionevole e giusto"...
Tanto per dissipare alcune ignoranze: Feyerabend, filolosofo della scienza, utilizzò questa argomentazione per dimostrare la fallacità di un certo metodo scientifico, pur rimanendo nell'ambito del discorso sulla scienza, non certo per sostenere tesi misticheggianti.
Se è vero che tra scienza e fede, chi deve fare un passo indietro è la scienza (ma perché qualcuno deve fare passi indietro, solo un pensatore debole può affermare un concetto simile!), mi chiedo quale sia il futuro disegnato dal nostro teologo: la scienza asservita alla morale significa che tra qualche anno solamente i fedeli potranno farsi rigenerare il cuore malato con l'aiuto della bio-ingegneria e delle cellule staminali, oppure al contrario, nessun cittadino del Vaticano intenderà usufruire di tali conquiste per curarsi?
Giovedì 17, al termine della cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico della Sapienza, al nostro teologo spetterà un'ardua impresa: difendere la supremazia morale della Chiesa contro la Ragione, oppure affermare la supremazia della Ragione della Chiesa sulla Ragione della Scienza: un rinnovato compromesso bellarminiano per una concezione strumentalistica della Scienza. Ferrara e Calderoli veglieranno per lui.
Nel frattempo, cattivo segno forse, domenica 13 durante la messa nella Cappella Sistina, al pontefice è caduto l'anello del pastore... durante una messa celebrata dando le spalle al popolo; anche qui, inappuntabile la ratio espressa dal tedesco per giustificare tale passo/sguardo indietro: e chi l'ha scritto che si debba stare di fronte al popolo?!
Quando la ragione serve, serve veramente...

lunedì 14 gennaio 2008

FRATTAgLIe FILOSOFICHE



  • L’essere del nulla è un problema che di certo non si riguarda.
  • Personalmente continuo a non riuscire a capire che bisogno ci sia di credere all'esistenza dello spazio; è un’ipotesi superflua, che non aggiunge nulla al tempo, senza nulla togliere al caos.
  • La coscienza è mera astrazione, nell'atto non vi è che attenzione.
  • Il sesto senso è il significato.
  • Lo stallo della scelta avviene quando ci si è disinstallati da sè, o quando si crede che sia comunque possibile essere più o meno installati in sé stessi.
  • Come il musicista suona la musica, così il filosofo è suonato.
  • In fondo il ragionamento più logico (e che difatti un po’ ci coinvolge tutti) è quello del masochista: la pena vale la pena.
  • Se hai perso un'occasione, non ti preoccupare. Ne stai già perdendo un'altra.
  • Il tempo è un cattivo maestro. Nessuno dei suoi allievi riesce mai a superarlo.
  • Non ti preoccupare del tempo che passa. Gli stai correndo dietro.
  • Esempio della fallacità delle definizioni: l’uomo è un animale razionale.
  • Non c’è peggior sordo di chi parla troppo.
  • Un uomo, di nome Cartesio, un giorno ebbe una bella pensata e disse: "Penso, dunque sono". Questa trovata piacque molto ad altri uomini, che presero ad adorarlo e divennero suoi discepoli, in modo da poter dire a loro volta (magari sottovoce, per non attirare l'invidia dei maligni): "Penso, dunque sono Cartesio".



(filosofate sparse, per gentile e inconsapevole concessione del filosofo Orso Yoghi, apparso misteriosamente su una rivista filosofica di fine millennio, tra il 1998 e il 1999, chiamata "Circolo Vizioso", anch'essa subito scomparsa nel nulla, sempre che si possa scomparire nel nulla, sempre che...)

venerdì 11 gennaio 2008

Succhiasangue!

Secondo un'indagine commissionata dal quotidiano inglese "The Independent" i dentisti italiani sono i secondi più cari d'Europa, dietro solo, appunto, agli inglesi. Un'otturazione da noi costa in media 135 euro! In GB 156 euro (ma in proporzione i britannici sono più ricchi!).
L'Associazione italiana odontoiatri difende la categoria: "... i nostri dentisti sono più cari perché sono i migliori e perché tartassati dal fisco". Infatti sono talmente tartassati che secondo una ricerca dell'Eures (Ricerche economiche e sociali), i dentisti rappresenterebbero la sesta categoria nell'inquietante classifica degli evasori fiscali, con il 27,7%, dietro ad architetti (42,5%), psicologi/psichiatri (39,3%), geometri (37,8%), avvocati (32%) e veterinari (27,9%).
Nonostante il fatto che anche noi comuni cittadini con impiego fisso siamo tra i più tartassati d'Europa (e le tasse noi le paghiamo!), nonostante il salasso di contributi assistenziali destinati appunto alle cure mediche (ma dove finiscono poi questi soldi?), siamo costretti al "turismo della dentiera" nei paesi dove il prezzo di queste cure è così basso che risparmiamo nonostante il costo del viaggio. Come ad esempio in Ungheria dove un'otturazione costa 8 euro e sempre più italiani ci vanno per curarsi i denti! Tra qualche anno ci toccherà andare in Romania?

Tabella degli evasori tra i liberi professionisti (tratta dalla ricerca Eures)

mercoledì 9 gennaio 2008

Tomas Milian for President!

Nel giorno che doveva sancire il 2-0 di Obama sulla firstgentleman Clinton succede che Hillary "ritrova il cuore" (mah...): vince e sovverte i pronostici e un clima negativo costruito ad arte contro di lei, da giornalai, opinionisti, sondaggisti. E lo fa usando ovviamente gli stessi mezzi del rivale: ironizzando, piangendo, chiamando a raccolta le donne ancora inviperite per le battute rugose, utilizzando la popolarità del marito. Insomma, come in ogni buona democrazia usa&getta che si rispetti, come succede ormai anche da noi. In Europa dominano le vicende amorose di Sarkò e in Italia la monnezza, da Bossi a Bassolino, da Prodi a Rotondi, non cambia mai nulla. VOGLIAMO TOMAS MILIAN!!! Almeno con lui ci si divertiva...

lunedì 7 gennaio 2008

E la Terra finì in una discarica... abusiva!

Non è solo per la tragedia di Napoli, esempio classico di come funziona il nostro paese: la politica arraffa, l'industria truffa, l'informazione s'arruffa e il cittadino paga, s'ammala e s'azzuffa!
Cos'è un inceneritore? E soprattutto, inquina?
Si ed è anche molto pericoloso per la salute. Uno studio recente commissionato dal Comune e dalla provincia di Venezia sul "Rischio di Sarcoma in rapporto all'esposizione ambientale a diossine emesse dagli inceneritori", evidenzia un nesso tra inceneritori e l'insorgere dei tumori. Sul sito di Paolo Cacciari è disponibile il testo di una sua interrogazione parlamentare del 10 novembre 2006 che, prendendo spunto da questa ricerca, chiede l'intervento del Parlamento e del Governo per "sanare" la situazione. Quindi? Niente!

In questi giorni si parla di termovalorizzatori, si dice che sarebbero innoqui, che producono anche energia! Bene, ora sapete che non sono innoqui e si può facilmente immaginare perché se ne parli poco (per il circolo vizioso: politica-industria-informazione).

Una cosa curiosa? Sul sito della società Alto Vicentino Ambiente srl, proprietaria dell'impianto di incenerimento del comune di Schio (VI), è scritto che: "L'energia elettrica prodotta dall'inceneritore è sufficiente per il fabbisogno di un paese di circa 15.000 abitanti, incluse le attività produttive e i servizi."
Secondo voi i 39 mila abitanti di Schio pagano meno la bolletta dell'energia?

venerdì 4 gennaio 2008

giovedì 3 gennaio 2008

Aborto!

(IGN - 1 gennaio 2008)
Dopo la proposta di moratoria lanciata da Giuliano Ferrara, il coordinatore di FI annuncia l'iniziativa parlamentare presentata "a titolo personale". Il cardinale Ruini: ''Necessario aggiornare la legge al progresso scientifico'' per "risvegliare le coscienze di tutti".
Questo è un aborto!
L'Italia ha bisogno di giustizia, legalità, innovazione, sicurezza sul lavoro.
Questa politica, questa religione politica, questa religione della politica è morta.
Noi la abortiamo!

mercoledì 2 gennaio 2008