giovedì 17 gennaio 2008

Io se rinasco faccio il meccanico!


Pubblico un post di mio fratello Gibba, che provocatoriamente usa la fanciulla innocenza per descrivere la nostra situazione di schiavi. Aggiungo un'immagine degli "ignavi" di Dante: questi dannati sono coloro che in vita non ebbero mai una propria idea e si limitarono ad adeguarsi sempre senza agire mai. Sono costretti a girare nudi per l'eternità attorno a una bandiera, punti da vespe e mosconi. Neurasia si schiera contro coloro "che mai non fur vivi".


Io se rinasco faccio il meccanico.

L'italia è un paese-metafora, sembra uscito dall'inferno di Dante. E' come la scrittura di Leonardo, si legge al contrario, come guardandosi allo specchio. In italia se fai le cose perbene sei un c******e (mal che vada), e se vai fuori dei binari un pochino, solo un attimino (tanto lo fanno tutti) ti fottono a sangue. In italia se non esageri non sei nessuno. Spesso mi domando perchè ci siamo ridotti così. E' un processo che inizia da bambini...

A scuola ti insegnano che non gliene frega a nessuno se capisci le cose, basta che studi a memoria il giorno prima e casomai dai una copiata al compito del secchione in cambio della foto della compagna dell'ultimo banco. Quando cresci e vai all'università ti premiano in proporzione alla tua capacità di soddisfare l'ego di un professore frustrato. Oppure vai al sud, che tanto lì dell'ego non gliene frega un c***o, basta che paghi. Poi ti cerchi un lavoro e ti offrono un posto da schiavo, ma con quello non riesci a pagarti le ricariche del cellulare, niente sms, mms... e come fai? Se proprio non ti va giù il papi ci mette una buona parola con l'onorevole o con il parroco del paese, qualcosa salterà fuori. Tanto il papi fa il dipendente statale e quindi tempo per andare in giro a farsi i c***i suoi ce l'ha. E scusa, lo stato fa finta di pagarmi e io faccio finta di lavorare, no? Giusto! anch'io da grande voglio fare il dipendente statale! Lo zio di Marco ha 50 anni ed è già in pensione da 5! Vabbè ma lui faceva il finanziere, dai... anche suo papà e suo nonno erano finanzieri, si sa! Per fortuna che mia sorella ha fatto il provino da comparsa con la Endemol, almeno lei ha una prospettiva per il suo futuro... E la mamma, con lo studio da manicure non ce la fa più, i clienti cominciano a chiedere la ricevuta.... porca t***a ha fatto bene mio cugino a studiare da commercialista così adesso subentra allo studio degli zii!
Io se rinasco faccio il meccanico, che un mio amico si è comprato la licenza per fare le revisioni e con i soldi che guadagna si compra le macchine da demolire e le rivende in Polonia a 10 volte tanto... Luca invece si è comprato il SUV, che figata.. come c***o è che ha trovato i soldi non l'ho mica capito, suo padre fa l'operaio alla SIDER.. Luca è forte però, ha la parola facile e lo sguardo furbo, da bambino ci rivendeva le sigarette di suo fratello... Alle feste portava sempre le canne... mi ricordo che a forza di feste si era comprato il motorino nuovo... boh sarà così anche per il SUV. Tanto se lo prendono non gli fanno un c***o, con l'indulto dopo due giorni è fuori.... Vabbè speriamo almeno che quando sono vecchio non faccio la fine del nonno che ha lavorato 40 anni come calzolaio e adesso prende la pensione minima... almeno ci paga la tassa al comune per il loculo della nonna. Che vita di merda. Almeno quest'estate ci sono gli europei. I-TA-LIA! I-TA-LIA! I-TA-LIA!

2 commenti:

massileo ha detto...

sveglia alle 7, caffé di corsa, autolavaggio, vestizione, giù l'immondizia, saluta il portinaio, 357 metri, stazione, prendi al volo il "metro", sguardo ai titoli, cestino della carta, attesa 5/50 minuti il treno, venti minuti/2 ore per 45 km, stazione, 250 metri a piedi, ascensore, arrivo in ufficio, saluto, togli cappotto, togli giacca, accendi il pc, guarda la posta, rispondi, apri, rispondi, apri, rispondi, inoltra, scrivi, inoltra, arriva il capo: si capo, se ne va il capo, inoltra, scrivi, power point, presenta, sorridi, pranzo, caffé, sigaretta, cesso, ripeti da "arrivo in ufficio", metti giacca, metti cappotto, saluta, esci, ascensore, scendi, 250 metri, stazione, aspetta, treno, giornale, stazione, passeggia, stanco, apri, saluta, prepara, mangia, tv, sonno, sonno, sonno, ho tanto sonno..............

Gibba ha detto...

tutto questo dal lunedì al venerdì, il weekend ci si concentra sull'ultime 2 righe....